Cinquanta sfumature di tirchio

Incipit

Patricia Ottaviani, nonostante la “c” infilata nel suo nome di battesimo, era un’italiana purosangue, ma, in quanto figlia di una professoressa d’inglese, aveva respirato la lingua e la cultura di oltremanica fin da bambina. Figlia d’arte, era stata la prima della classe in inglese per otto anni di seguito, dalla prima media alla maturità linguistica. Si era poi laureata in lingue col massimo dei voti, sostenendo una tesi sulla poesia elisabettiana. Poi, come tutti i laureati di talento, si era trovata davanti ad un bivio: tentare la carriera accademica, con la prospettiva di restare senza uno stipendio regolare per chissà quanti anni, o cercare subito uno stipendio sicuro, come insegnante di scuola media? Sua madre l’aveva incoraggiata a tentare la strada più ambiziosa.

– Figlia mia, – le aveva detto – quando mi sono laureata, io e papà ci eravamo appena sposati, ci stavamo facendo la casa e tua sorella era in arrivo; in quelle circostanze, non potevo rinunciare al posto fisso e per questo ho dato il concorso e sono andata ad insegnare la grammatica ai ragazzini. Ma tu non hai problemi di denaro; non hai marito e figli a cui pensare e puoi permetterti di seguire la tua strada. Se io e tuo padre abbiamo fatto tanti sacrifici, è stato proprio perché non li dovessi fare tu. Quanto a me, i soldi che mi ha lasciato tuo padre mi bastano e, in caso di bisogno, posso sempre ricorrere a tua sorella. Ricordati di quello che dice il poeta:

Immagine

I due volti del porfessor McCallan

Il povero è lo schiavo del denaro,

chi è ricco ne è padrone. Ma nessuno,

neppure un mendicante, è miserabile

quanto un ricco che è schiavo dei suoi soldi.

Coerentemente con questi insegnamenti, quando a Patricia si era presentata la possibilità di fare la lettrice di italiano in un ateneo britannico, aveva accettato al volo. Lo stipendio le avrebbe consentito di sopravvivere, e poco altro, ma che cosa voleva dire questo insignificante dettaglio, rispetto alla possibilità di mangiare e respirare lingua e letteratura inglese per un anno?

Forse avrebbe accettato con appena un briciolo di entusiasmo in meno, se avesse previsto che, per il gioco dei posti disponibili, sarebbe stata sbattuta non ad Oxford, a Cambridge  o in qualche ateneo di provincia a sud del Border, dove facesse caldo perlomeno d’estate, ma all’università di Edimburgo, dove la temperatura media è di un grado sopra lo zero, le vocali hanno una pronuncia intercambiabile ed il cibo è considerato immangiabile perfino dagli inglesi. In compenso, Edimburgo ha una posizione naturale invidiabile, vi si svolge il più importante festival teatrale del globo ed è la patria di Stevenson e di Scott, e quindi vi si può trascorrere un anno piacevole, nonostante il freddo e i denari contati.

Inoltre, all’università di Edimburgo c’è anche la possibilità di avere come vicino di ufficio un uomo affascinante come il professor Sean Mac Callan.

Trama

Patricia, al primo incontro con Sean (il massimo esperto mondiale di Walter Scott), riesce subito ad ottenere un appuntamento. I due iniziano una relazione , ma, dopo tre mesi, quando l’estasi della prima infatuazione comincia a scemare, Patricia si rende conto che Sean la porta sempre a mangiare nelle  tavole calde, va solo al cinema d’essai e non alle prime visioni, è capace di fare una scenata per un errore di due sterline nel resto…, ha insomma al massimo grado la tirchieria tipica degli scozzesi. Patricia, nonostante il disagio di vedere un difetto così meschino nell’uomo che ama, non sa decidersi a troncare la relazione, fino a quando Sean non si rifiuta di andare a vivere con lei, perché mettere su casa costerebbe troppo. Offesa dall’indelicatezza di Sean, Patricia torna in patria e cerca di dimenticare il suo amante, ma dopo un anno è lui a raggiungerla in Italia. I due vivono alcuni giorni di felicità, e Sean sembra ben accetto anche alla madre di Patricia, ma poi la ragazza scopre che l’incorreggibile scozzese, invece di fare il viaggio a sue spese, ha  cercato di addebitarne il conto all’università, “imbucandosi” nelle delegazione che doveva prendere parte a un congresso di studi. Stavolta la rottura sembra definitiva, ma dopo un anno Patricia apprende che, in gran parte per iniziativa di Sean, l’Università di Edimburgo vuole offrirle una cattedra di letteratura italiana. La ragazza, vedendo in ciò una manovra  di Sean per riconquistarla, gli telefona per dirgliene quattro, ma finisce per cedere nuovamente al fascino del suo ex (anche perché l’uomo, ormai pentito della sua grettezza , si impegna a mettere su casa con lei e addirittura a pagarle il viaggio in prima classe ad Edimburgo).

Commento

Lo spunto per il racconto mi è venuto da un episodio della vita di Evelyn Waugh, che cercò di fare una vacanza gratis in Spagna, imbucandosi senza averne diritto ad un convegno di teologia. Pensavo di fare una satira su certi costumi universitari, e invece mi è venuta una storia romantica, anche se in chiave ironica. Il dilemma di Patricia è, in fondo, lo stesso di Jane Eyre o della protagonista di Cinquanta sfumature: cosa deve fare una donna innamorata di un uomo affascinante ma che ha un lato oscuro? La risposta (che, naturalmente, in una situazione invertita, vale anche per gli uomini) è : accettare il lato oscuro, perché nessuno è perfetto, e sperare che l’amore possa aiutare il partner a correggersi. Ho ambientato la storia in Scozia, vista la proverbiale taccagneria caledonica, e pur sapendo che (almeno a giudicare da quello che ho visto durante il mio soggiorno di una settimana  a Edimburgo) si tratta di un pregiudizio altrettanto infondato di quello che vede gli italiani suonatori di mandolino e grandi amatori. Mi sono inoltre concesso la libertà di inserire nel racconto alcune poesie  di commento alla vicenda attribuendole a John Moneyless, un immaginario poeta antiromantico di cui Patricia studia le opere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: