Erano tutti suoi figli

Incipit

San Francisco, in un futuro non troppo lontano.

Paul Ryder era seduto, per la prima volta, alla scrivania di presidente della Ryder Microcomputer, Inc., e si sentiva magnificamente. Era passata una settimana dai funerali di Robert Ryder, padre suo e fondatore dell’azienda (detto Robert “Red” Ryder, per il colore dei suoi capelli, o anche RRR) e dalla lettura del suo testamento. Le ultime volontà di RRR non avevano riservato grosse sorprese: aveva lasciato l’azienda, una delle più grandi e redditizie del mondo nel campo informatico, all’unico rampollo dei suoi tre matrimoni; aveva fatto lasciti generosi a nipoti, discendenti indiretti e parenti acquisiti vari, nonché ai suoi amici e colleghi di una vita; infine, in memoria dei suoi inizi difficili di giovane squattrinato e appassionato di informatica, aveva istituito una serie di borse di studio nelle più importanti università del paese, a favore dei giovani promettenti ma privi di mezzi. Il giovane Ryder avrebbe guidato l’azienda per cinque anni, sotto il controllo di un gruppo di anziani e fidati dirigenti; se si fosse dimostrato impari al suo compito, avrebbe ceduto la poltrona ad un altro membro della famiglia, pur continuando a godere di una rendita di miliardi di dollari. A dire il vero, qualcuno di quei dirigenti aveva sperato di essere lui il futuro presidente, e non quel figlio che, dopo che i suoi genitori avevano divorziato, aveva avuto col genitore biologico rapporti poco più che formali, ma alla fine la voce del sangue aveva avuto la meglio.

Paul sapeva che i prossimi cinque anni sarebbero stati duri e che non gli sarebbe stato perdonato nessun errore, ma si sentiva pronto ad affrontare la lotta, ed intanto si godeva il delizioso sapore del potere, oltre che l’incantevole paesaggio della baia di San Francisco su cui davano le vetrate del suo ufficio. Rispetto ad altri eredi di immense fortune, aveva un problema di meno. Non doveva preoccuparsi di parenti serpenti. Prima di stendere le sue ultime volontà, il vecchio RRR aveva chiesto a tutti i suoi parenti di firmare un documento in cui promettevano di non impugnare il testamento, pena la perdita dei generosi lasciti loro concessi. Il vecchio Ryder aveva fatto questo, non per affetto nei confronti di Paul, ma perché sapeva che le battaglie legali tra parenti erano per le aziende l’equivalente del virus dell’AIDS per gli esseri umani.

 Riassunto

Mentre il giovane Paul è compiaciuto del suo successo, gli viene annunciata la visita di un uomo di colore, un certo Martin Luther Jackson, che sostiene di essere suo fratello e di aver diritto ad una parte di eredità. Paul accetta di riceverlo, pur non credendo possibile che il vecchio Ryder, uomo dai costumi morigerati e sposato col suo lavoro, potesse aver avuto un figlio illegittimo. Jackson, nato dalla fecondazione artificiale, ha saputo che RRR aveva fondato la sua azienda coi soldi guadagnati come donatore di sperma e sospetta che il defunto sia stato il suo padre biologico. Paul (che aveva egli stesso imprudentemente reso pubblica la notizia piccante) caccia via l’importuno, ma presto saltano fuori decine di altri figli della provetta ad avanzare pretese sull’eredità. Il vecchio avvocato della ditta, richiesto di un parere, consiglia di venire ad un transazione: è vero che Jackson e gli altri pretendenti erano figli del vecchio Ryder solo biologicamente, ma la stessa cosa si potrebbe dire dello stesso Paul..

Commento

ht_ed_houben_dm_120418_wblog

Il signor Ed Houben, donatore di sperma e padre biologico di 87 figli.

Questo non lo si potrebbe neanche definire un racconto di fantascienza, visto che i problemi etici e le situazioni paradossali legati alla fecondazione artificiale fanno ormai parte della cronaca; non siamo ancora arrivati alle contese per le eredità, ma è solo una questione di tempo. (In America, è già successo che un donatore di sperma sia stato obbligato a pagare le spese mediche per la  figlia biologica). La Ryder Microcomputer è la stessa ditta per cui andava a lavorare l’antipatico signor Mazzolani in Una famglia di vincenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: