Le due figlie della vedova Scozzoli

Incipit

Il defunto signor Scozzoli aveva lasciato alla famiglia due eredità preziose, grazie alle quali la vedova aveva potuto lasciare il suo appartamento in affitto, in un malinconico palazzone di periferia, e trasferirsi in centro, con le sue figlie. La prima eredità era stata l’assicurazione sulla vita. Era una bella somma, ma non sufficiente a realizzare il trasloco desiderato da anni, senza la seconda eredità: un cognato cancelliere di tribunale, servizievole e attaccato alle due nipotine. Da lui la vedova aveva appreso che un bell’appartamento, proveniente da un sequestro, sarebbe stato messo in vendita, a prezzi assai più bassi di quelli di mercato, ad un’asta giudiziaria.

La signora Luisa, mettendo assieme il denaro dell’assicurazione e un prestito della banca, era riuscita ad aggiudicarsi l’appartamento; aveva venduto l’auto del marito e col ricavato aveva saldato i conti con l’istituto di credito. La nuova sistemazione, al secondo piano di un immobile modernissimo, aveva subito entusiasmato le tre donne: cinque stanze più servizi, spazio e luce in abbondanza, l’ufficio della signora e le scuole delle signorine a pochi chilometri, i vicini cortesi.

Il cognato servizievole aveva fatto una sola raccomandazione: – Non fate domande su Paolo Colletti, il vecchio proprietario. Sapete com’è la gente dei quartieri alti: ci tengono alla reputazione del palazzo e non gli fa piacere ricordarsi di aver diviso il tetto con una persona che si è messa nei guai. Poi, anche se volessero rispondervi, non credo che saprebbero dirvi niente: quel tale aveva comprato l’appartamento per usarlo come ufficio, e non ci andava quasi mai. – Alla signora Luisa era sembrato di capire che chi l’aveva preceduta nel suo appartamento fosse morto fallito e che il fisco gli avesse sequestrato i beni come pagamento di tasse arretrate; ma, in ogni caso, anche senza i consigli del cognato, la cosa non l’avrebbe interessata più di tanto, perché una vedova con due figlie ormai grandi ha problemi più importanti delle traversie del defunto signor Colletti.

Riassunto

Le due figlie della signora Luisa non appaiono intenzionate al matrimonio, la minore (Geraldina) perchè i ragazzi non le interessano, la maggiore (Ginvera) perchè le interessano troppo. Quando un giovane architetto, Antonio Colombo, viene dalla vedova per restituire il portafoglio perso da Ginevra, ed è poi visto più volte aggirarsi sotto le finestre dell’appartamento, la signora Scozzoli crede di aver trovato il fidanzato per la figlia maggiore e combina addirittura un appuntamento fra i due; contemporaneamente, riceve la visita di un altro estraneo, il sedicente antiquario Paolo Tambini. Di ritorno dall’aereoporto, dove è andata a prendere Geraldina di ritorno dall’Inghilterra, la signora imageScozzoli trova casa sua devastata dai ladri, che non hanno però portato via nulla. Geraldina capisce come sono andate le cose: “Colombo” e “Tambini” erano due ladri venuti nell’appartamento per fare dei sopralluoghi e, poichè non hanno portato via niente, dovevano essere interessati a qualcosa lasciato dal precedente inquilino. In effetti, le cose stanno così: i due ladri erano stati ingaggiati, uno da un politico e l’altro da un boss della malavita per recuperare dei documenti che il losco faccendiere Paolo Colletti aveva nascosto in quello che era stato il suo ufficio; “Colombo” aveva effettuato il colpo per primo, senza però trovare niente e rovinando la piazza al suo collega. La signora Scozzoli, già traumatizzata dallo scassinamento di casa sua, rifiuta di fare ulteriori indagini; quanto ai documenti, durante la ristrutturazione dell’appartamento sono stati trovati dai muratori che, ignorandone il valore, li hanno distrutti.

Commento

Tentativo di racconto giallo-rosa, scritto per tirarmi su durante un periodo di depressione; forse per questo ho un po’ calcato i toni, soprattutto a spese della povera signora Scozzoli, terrorizzata dai ladri (come tutte le madri di famiglia, inclusa la mia) ma che, senza saperlo, apre le porte di casa sua a due di loro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: