Chi è Bete Noire? (conclusione di Isabelle e l’uomo dal viso bendato)

Incipit

Non fu facile, per Isabelle, organizzare la fuga così su due piedi; farsi concedere un mese di ferie dal datore di lavoroe, una volta a Caen, ottenere l’ospitalità dello zio Philippe, per sé, il padre e la sorella, senza spiegare nei dettagli cosa fosse successo s Parigi; eppure ci riuscì. Per una settimana, la famiglia Aulnoy sembrò aver ritrovato un po’ di pace: Agnés faceva il giro delle sue vecchie amiche, per vantare i suoi trionfi parigini, papà Aulnoy giocava a carte con Philippe (senza puntare denaro) e Isabelle si concesse qualche giornata al mare. Pure, Isabelle sentiva di essere seduta su un vulcano. Infatti, una mattina, mentre si preparava per la spiaggia, il proprietario del bazar la chiamò da Parigi, e già dalla sua voce lei capì che non si trattava di una semplice questione di lavoro.

– Signorina Isabelle – le disse l’uomo – forse mi faccio impressionare troppo, ma sono due giorni che ricevo delle Legatotelefonate anonime, a volte quasi minacciose, di gente che vuole sapere dove vi siete cacciata. Un’ora fa, poi, è arrivato in negozio un ragazzo orientale che mi ha lasciato un biglietto strano. Ve lo leggo: Dite a Isabelle che stasera, alle ore venti, dev’essere al Bistrot della rosa, altrimenti saranno guai seri per lei e per una certa persona.

Isabelle inventò una menzogna su due piedi (“È un cretino che insiste a farmi la corte, anche se io non ne voglio sapere”) e poi, senza dare spiegazioni, senza neanche fare la valigia, prese il primo treno per Parigi.

In quel messaggio, chiaro e conciso, c’erano tre parole enigmatiche che continuavano a ronzarle in testa: una certa persona. Chi era il bersaglio di quella minaccia: il padre, la sorella, Roquentin oppure (e qui, senza volerlo, Isabelle provò un brivido) Bete-Noire?

Riassunto

 

36 Quai des Orfevres

36 Quai des Orfevres

Al Bistrot della Rosa, Isabelle torva Bete-Noire legato e imbavagliato, imputato in una sorta di processo di malavita. L’uomo ha, infatti, saldato di tasca sua il debito del padre di Isabelle, ma così facendo ha mentito a Bob l’alsaziano, il suo capobanda, e si è esposto alla sua vendetta. Dopo aver confessato a Bete-Noire il suo amore, Isabelle lascia il bistrot, ignorando quale sarà la sorte finale del romantico gangster e temendo che egli dovrà pagare con la vita il suo atto di generosità. Pochi giorni dopo, Isabelle è convocata dalla polizia al Quai des Orfevres e apprende come stanno veramente le cose. Bete Noire era un poliziotto sotto copertura che si serviva della benda e di una cicatrice (dovuta in realtà a un semplice incidente stradale) per crearsi un’immagine da duro, mentre l’ispettore Roquentin , a cui Isabelle si era ingenuamente rivolta, era un corrotto che aveva tradito il suo collega infiltrato. Al processo, Isabelle rivede Bete-Noire, che ha ripreso la sua vera identità (ispettore Michel Breton) e il suo vero volto, con un’operazione di chirurgia plastica e, dopo qualche schermaglia, la ragazza accetta la proposta di matrimonio che il poliziotto le aveva fatto nei panni di fuorilegge.

Commento

bebDopo le versioni gialle di Biancaneve e Cenerentola, ecco una nuova fiaba (La bella e la bestia) , un nuovo filone del genere poliziesco (la storia di gangster) e un nuovo scenario, la Parigi di Simenon e dei malavitosi gentiluomini alla Jean Gabin. Rispetto alla fiaba, l’unico cambiamento nella trama è aver sostituito nel ruolo di cattivo, alle due perfide sorelle il polizotto corrotto, corteggiatore della sorella della protagonista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: