Il giorno più lungo sotto le mura di Troia

TroyBattleIncipit

Raccontare una sola giornata, di una guerra che ne contò più di tremila, mi ha richiesto tempo, fatica e viaggi, quasi quanto ne spesero gli Achei per espugnare le mura di Ilio. Ho raccolto e vagliato decine e decine di racconti; sono andato nei palazzi degli Achei e nei tuguri della Colchide dove hanno trovato rifugio i profughi dalla città distrutta dal fuoco; ho dovuto vincere la riluttanza di molti testimoni a risvegliare ricordi dolorosi (mentre in altri casi ho dovuto smorzare il loro entusiasmo, che li portava a vantarsi di imprese mai avvenute); ho varcato il Mar Ionio, diretto a quell’Italia che è stata scelta come luogo di riposo da molti reduci dell’una e dell’altra parte.

Molti di coloro che combatterono sulle rive dello Scamandro non sono oggi in grado di dare la loro versione dei fatti, e non mi riferisco solo a quelli (come il prode e gentile d’animo Ettore, o il piè veloce Achille) caduti in battaglia e bruciati su una pira con le loro armi. Purtroppo, quando ho iniziato il mio lavoro, molti dei capi achei che erano riusciti a scampare alla Parca abbastanza a lungo da vedere il giorno della vittoria, erano già caduti vittima di un destino beffardo: come il comandante Agamennone, ucciso dalla moglie, o Aiace Oileo, morto in un unaufragio, o l’astuto Ulisse, un testimone particolarmente prezioso, nonostante la sua fama di bugiardo, ma di cui al momento attuale non posso dire con certezza neppure se sia vivo o morto. (Voci non confermate vogliono che sia appena tornato nella sua Itaca, dopo un avventuroso viaggio.)

omero ciecoUna doverosa puntualizzazione: da qualche tempo circola una versione poetica della battaglia, che in diversi punti non coincide con la mia. Io non intendo scendere in polemica con il suo autore (trattandosi oltretutto di una persona gravemente inferma) ma devo sottolineare che non c’è parola, della mia ricostruzione che non sia basata sui fatti o su una testimonianza oculare.

Commento

Questa volta, ometto il riassunto del racconto, perché il suo contenuto è lo stesso dei canti dal ventesimo al ventiduesimo dell’Iliade: la battaglia fra Greci e Troiani sul fiume Scamandro, e i duelli di Achille prima con Enea e poi, quello decisivo, con Ettore. Lo stile non è però quello epico di Omero ma quello giornalistico di best-seller sulla seconda guerra mondiale, come Il giorno più lungo o Parigi brucia?, basati sul montaggio delle testimonianze orali; e il punto di vista non è quello degli eroi, ma quello di sei umili soldati, tre di parte greca e tre di parte troiana, ognuno dei quali ha un diverso atteggiamento di fronte alla guerra.

I tre greci sono:

  • Ipponatte, soldato di Argo e suddito di Diomede; ammiratore del suo re e molto critico verso la temerarietà e la ferocia di Achille;
  • Efialte, mirmidone, divenuto calzolaio dopo la guerra; suddito di Achille,carro di achille fedele al suo re, ma con inconfessate riserve per la sua brutalità;
  • Cretone, altro mirmidone, dopo la guerra comandante della guardia di palazzo a Pilo, che invece è un “Rambo”, militarista e spietato verso il nemico.

I tre troiani sono:

  •  Ippodemonte, cocchiere tracio, coraggioso e ligio al dovere, ma non temerario, e disincantato nei confronti della guerra;
  • Ichetone, Dardano, ha seguito Enea nelle sue peregrinazioni, finché non è approdato a Cuma, dove fa l’oste; fervente sostenitore della causa troiana;
  • Efisio, soldato licio, divenuto vasaio dopo la guerra; così spudoratamente vigliacco, e preoccupato solo di salvare la pelle, da risultare paradossalmente simpatico, come un Falstaff omerico; dopo aver assistito alla morte di Ettore, approfitta del caos per gettare le armi e disertare, facendosi passare per morto.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: