Metà luglio

Incipit

SCENA PRIMA

Carlotta, Edoardo.

EDOARDO = Alora, ad queli impurtantessimi aferi s’à da ocupè e menager del residence ad Sen Diton?

CARLOTTA = Disè “e residence Sanditon”, cl’è è nom curet; almen sora e lavor, fasì la pirsona seria.

EDOARDO = Parchè, e mì at pè un lavor seri? Al quistioni impurtenti le trata toti Tumes, e me, ca duvreb esar e menager, a sò l’impighè adet a i riclem: riziv al lamintili di client e pù e diretor dezid quel cs’à da fè. Se, invizi, sò i cliint a cumpurters mel, toca a me fei la ramanzena, d’atcè luitar pensa : “E diretor l’è un tep simpetic, mo e zovan l’è un stronz”. Carlota, urmej a sò dò smeni ca lavurema insim. Sì unesta e arspondam. Con toti l’arspet par Tumes, l’itè, la pradga, ezetera ezetera, te’n crid ca sia l’ora ca lo me dega quelc cumpit ad rispunsabilitè?

CARLOTTA = (Esita prima di rispondere, ma poi opta per la sincerità) Ad solit, sa on nun è rispunsebil quend s’dvert, nun l’è gnaca quend lavora.

EDOARDO     = Capesch, t’al sì ligheda a e dit par quel cl’è suces iarsira a e zercul di piscadur.

CARLOTTA = Me a i aveva dicis ad nun parlè piò, si stè vò c’avì riapirt e discurs.

EDOARDO = Ta è rason, turnem al quistioni de lavor.

CARLOTTA = Incù, vù e duvì parlè cun Herr Krauss, pù, a i è cla ragazeda dla Zuvenna Belforte. Forsa, con la Belforte l’è mei ca j scora me, vest ca sò una dona.

EDOARDO = Schirz? Un menager treta i prublem ad persona, nun i delega a la sigriteria. Pr’ades, fà intrè e tugnin. (Esce Carlotta, entra Hermann, che si siede alla scrivania, di fronte ad Edoardo.)

celentano

Giovanna Belforte è una fan di un giovane cantante, un certo Adriano Celentano, e prevede ad uno scettico Edoardo, che fra cinquant’anni le sue canzoni e quelle di Elvis saranno dei classici.

Traduzione

Allora, di quali importantissimi affari deve occuparsi il manager del residence di San Diton? / Dite “il residence Sanditon, che è la forma corretta; almeno sul lavoro, fate la persona seria. / Perché, il mio ti sembra un lavoro serio? Tommaso tratta tutte le questioni importanti e io, che dovrei essere il manager, sono l’impiegato dell’ufficio reclami: ricevo le lamentele dei clienti e poi il direttore decide cosa bisogna fare. Se, invece, sono i clienti a comportarsi male, tocca a me fargli la ramanzina, così loro pensano: “Il direttore è un tipo simpatico, ma il giovane è uno stronzo”. Carlotta, ormai lavoriamo insieme da due settimane. Sii onesta e rispondimi. Con tutto il rispetto per Tommaso, l’età, la pratica, eccetera eccetera, non credi che sia ora che lui mi dia qualche compito di responsabilità? / Di solito, se uno non è responsabile quando si diverte, non lo è neanche quando lavora. / Capisco, te la sei legata al dito per quello che è successo ieri sera al circolo dei pescatori. / Io avevo deciso di non parlarne più, siete voi che avete riaperto il discorso. / D’accordo, torniamo alle questioni di lavoro. / Oggi, dovete parlare con il signor Krauss, poi c’è quella ragazzata di Giovanna Belforte. Forse, è meglio che io e la Belforte facciamo un discorsetto fra donne. / Scherzi? Un manager tratta i problemi di persona, non li delega alla segretaria. Per adesso, fai entrare il tedesco. (Esce Carlotta, entra Hermann, che si siede alla scrivania, di fronte ad Edoardo.)

 Riassunto

nudismoHermann ha creato scompiglio nel residence per la sua abitudine di prendere il sole in costume adamitico; dopo una lunga discussione, il tedesco acconsente a praticare il nudismo solo in una spiaggetta al riparo dagli scogli. Altro scompiglio lo ha creato Giovanna Belforte, che innamoratasi di un ragazzo del luogo, gli ha fatto credere di essere figlia di un ingegnere e scoppia in lacrime, da brava adolescente al suo primo amore, quando Edoardo le dice che il suo spasimante, scoperta la verità, ha deciso di lasciarla. L’attenzione poi ritorna sugli intrighi di Edoardo che, dopo essere stato respinto nuovamente da Carlotta, le rivela le sue vere intenzioni: ingelosire Berta, la figlia ed erede della marchesa, e convincerla a sposarlo anche contro la volontà della madre di lei. Poiché Carlotta rifiuta fermamente di stare al suo gioco, Edoardo rivolge le sue attenzioni a un’altra ospite del residence: Letizia, una studentessa universitaria che, per aver vissuto all’estero, si atteggia a ragazza moderna e spregiudicata. Di lei è innamorato anche il timido e ipocondriaco Arturo che, per attirare la sua attenzione, tenda perfino diimprovvisarsi sportivo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: