Non te li puoi portare appresso

I morti non sono mai stati peccatori.

Incipit

Nella vita, può succedere anche questo: che tu prenda la macchina, diretto alla villa nei dintorni di Monza dove è nascosta la tua ragazza, deciso a non tornare indietro fino a quando non avrai parlato con lei e chiarito tutte le cose; che per tutto il percorso immagini quello che dirai tu e quello che dirà lei, come un autore che prova le battute di una commedia; che quando esci dal casello autostradale sei già arrivato al punto in cui lei ti butta le braccia al collo e fugge con te, lontano dalla soffocante tutela dell’avvocato Zoli; e poi, quando arrivi alla villa e suoni il campanello, ti rispondono che Amelia non c’è.

Naturalmente, tu, già scottato da esperienze precedenti, pensi che si tratti di una scusa e, facendo forza alla tua natura di persona mite e tranquilla, fai una scampanellata dietro l’altra e sbraiti al citofono, finché non vengono ad aprirti. Ti prepari ad affrontare quel tizio pelato e con il fisico di un armadio che finora ti ha sempre respinto; e invece, dietro la porta, appare un viso ben conosciuto, quello di Edmondo, il figliastro di Merloni e il cognato della tua bella. Normalmente, non ti daresti molta pena di lui; lo hai sempre considerato un bamboccione, tanto inutile quanto innocuo, l’unica giustificazione della cui esistenza è aver fornito la materia prima perché nascesse la deliziosa nipotina di Amelia.

Quel giorno, tuttavia, Edmondo aveva una strana espressione, seria e aggrondata, che Arturo non gli aveva mai visto e che imponeva il rispetto, quasi contro la propria volontà; l’espressione de i fatui quando le circostanze ricordano loro l’esistenza della morte.

Riassunto

Edmondo informa Arturo che il padre di Amelia è ricoverato all’ospedale, in condizioni disperate, per un’emorragia al fegato, e che le sue due figlie sono al suo capezzale. I due hanno un colloquio relativamente cordiale e Arturo scopre così che in realtà Amelia aveva cercato di mettersi in contatto con lui, ma ne era stata impedita dall’avvocato Zoli e da Colombo, il capo della sorveglianza. Quella notte stessa, Amelia, reduce dall’ospedale, telefona a Arturo, e questo semplice fatto basta a dissipare d’un colpo i malintesi fra i due fidanzati; la ragazza si lascia anche convincere ad accettare il patrocinio legale di Valerio, anziché quello dell’ambiguo Zoli.

Vede, proprio qui, regola numero sei. Non te li puoi portare appresso.

Mentre il vecchio Dorriti agonizza, suscita scalpore nell’opinione pubblica il caso del dottor Martini, rovinatosi per aver investito nella banca del suo vicino di villa Merloni. Finalmente, il padre di Amelia muore; i suoi funerali si svolgono alla presenza di pochi intimi e molti giornalisti.

Durante la cerimonia, ascoltando la parabola di Lazzaro ed Epulone, e poi un biglietto di pentimento del defunto, Arturo ha modo di riflettere sulla vanità di tutte le cose umane di fronte alla morte, non solo la ricerca della ricchezza, ma anche quella dell’onestà. Invece l’avvocato Zoli, anche lui presente alla funzione, si preoccupa solo del modo in cui sfruttare il lutto di Amelia per le sue strategie legali.

Annunci